E se volessimo cambiare DE?

Una cosa a cui non sono affatto abituati gli utenti Windows e Mac, è quella di scegliere l’aspetto della scrivania: o meglio il DE. Mentre in GNU/Linux si può scegliere tra vari Desktop Environment: con somma gioia di alcuni e massima dannazione di altri. Mate, Xfce, Gnome, Plasma, Unity, etc sono una delle scelte che si presentano agli utenti del pinguino.

Essendo immerso nel progetto Unit, che basa il proprio Desktop su Gnome 3.24, ho deciso di installare quest’ultimo nel mio sistema Arch.

Avendo sempre poco tempo, il metodo che uso per provare ed imparare è quello di usare il prodotto testato nella vita di tutti i giorni.

Così ho fatto per deepin in vista della live del 5 maggio

Stessa cosa per approfondire la mia conoscenza di Gnome, capire cosa può fare e cosa si può riuscire a farli fare. Questo perché vorremmo mantenere quanto di buono è già stato fatto dal team di Gnome e modificare o creare dal nulla solo quello che sarà l’esperienza utente di Unity 7  nello Unit Desktop.

Avrei dovuto quindi abbandonare Mate e non solo… Si perché Gnome si appoggia su Wayland, il server grafico del futuro e per apprezzarlo al meglio ho deciso di abbandonare il classico Xorg che già era installato. * Che fare? Reinstallare da pulito il tutto?

               No: Con Arch non serve!!

I comandi da dare

Prima di disinstallare Mate e Xorg ho voluto disinstallare Sddm, che è il login manager in Qt che stavo usando da quando precedentemente avevo provato Plasma.

Sddm va rimosso con

pacman -R sddm

e disabilitandone definitivamente l’avvio dando

 sudo rm /etc/systemd/system/display-manager.service

questo perchè altrimenti non riuscirete ad abilitare l’avvio automatico del prossimo login manager che sceglierete.

Per disinstallare Mate basta dare

 pacman - Rsc mate

e

pacman -Rsc mate-utils

(per chi, come me le aveva installate)

Mentre per disinstallare il server grafico Xorg va dato

pacman -Rsc xorg-server

e

 pacman - Rsc xorg-server-utils

(per chi come me le aveva installate)

Pronti per il nuovo DE

GNOME

per installare Wayland basta un comando:

pacman -S weston

per capirci di più sul funzionamento e sulle differenze da Xorg leggete qui

se avete letto la Wiki, avrete saputo che non tutte le applicazioni si interfacciano con Wayland (son rimaste poche comunque) per questo è opportuno dare anche

pacman -S xorg-server-xwayland

Incredibile,ma basta questo. Ora avete il famoso Wayland installato e funzionante nel vostro sistema!
E Gnome? No, non mi son dimenticato, è che è talmente semplice:

pacman -S gnome
sudo systemctl enable gdm.service

Vedete che potenzialità ha Arch? E come le cose sembrino difficili, ma in realtà si tratta di pochi comandi? (che fra l’altro potete copiare: grazie a chi scrive guide come queste)
E allora, cosa aspettate? Sotto a provare tutti i De che più vi piacciono!

*(Di rimuovere Mate e Xorg è stata una mia scelta per avere più pulizia:in realtà si potrebbe anche avere più DE nello stesso sistema e sceglierli all’avvio. Ad esempio tramite Login Manager. In questo caso il mio dubbio era sul far convivere due ambienti che abbisognano dei due diversi server grafici e ho preferito non intrigare troppo la faccenda.)

Interagisci sui social:

CC BY-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

Giuliano Zamboni

Appassionato di Open Source, buona cucina e pallacanestro.
Arch Linux è la mia distro.
Sono cofounder di Linux Hub

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: